Caso Juve Pro Poggiomarino: Cosimo Sibilia deve dimettersi

Ricordate il caso Juve Pro Poggiomarino e Nola? No! Perfetto, visto che non  mi va di ricapitolare andatevi a leggere, se volete certamente, i link qui di seguito riportati: Caso Juve Pro Poggiomarino e Nola, non ci saranno feriti. L'avv.Lepre: "Annella e Pucino pronti a difendere la verità" http://www.soccerlife.it/articoli/lnd-articoli/cr-campania-lavvocato-pucino-e-la-verita-sul-caso-nola-e-juve-pro-poggiomarino/Cr Campania, i Carabinieri sequestrano un pc. Deflagra il caso Nola; Cr Campania, Carabinieri in sede a Napoli, sequestrata la lettera della Juve Pro Poggiomarino e tre pc. Se non volete allora non continuate a leggere. Ma se siete il Commissario del Cr  Campania o presidente della Lega Dilettanti o il Vice presidente Federale, ops scusate sono la stessa persona, a volte tendo a dimenticare che la cadrega è l’unica cosa che conta in Italia, dicevo se siete Cosimo Sibilia, allora fermatevi a leggere quello che vi avevamo scritto: Non ci saranno feriti. Se siete arrivati qua, avete, sicuramente, letto lo storico del caso Juve Pro Poggiomarino ed è di ieri la notizia che gli avvocati Filippo Pucino e Gaetano Annella, sospesi dagli incarichi, che ricoprivano da molti anni, di giudice sportivo (Annella) e da sostituto giudice sportivo (Pucino), sono stati “scagionati da ogni accusa”, come recita il il Comunicato ( comunicatoufficiale ). Accuse infondate, contro Pucino e Annella, che vedevano come grande accusatore proprio l’uno e trino (LND, CR Campania, FIGC) Cosimo Sibilia, che aveva addirittura chiesto la radiazione di Pucino, come lo stesso avvocato ci spiega: “Lui ha chiesto la mia sospensione e sollecitato la radiazione sulle dichiarazioni di De Luca che lui stesso sconfessava”. Ecco qua i documenti a riprova della veridicità delle parole dell’avvocato Pucino( documento ) che spiega: "C'è da notare che lo stesso Cosimo Sibilia precisa, nella comunicazione accompagnatoria della testimonianza del De Luca, che Altobelli non lavorava più lì al momento dei fatti e De Luca dice di aver ricevuto il presunto file della delibera fasulla dallo stesso Altobelli. Ora, in una società civile, ma lo sport non lo è, imporrebbe le dimissioni di Cosimo Sibilia colpevole senza se e senza ma Cosimo SIbilia è colpevole come ci spiega l’avvocato Pucino: “La vicenda del Nola in sede sportiva mi ha visto vincitore, la procura della FIGC non ha voluto indagare sui colpevoli mettendo me sotto processo, sospendendomi per un anno e chiedendo la radiazione, senza alcuna prova ed evitando di indagare sui responsabili della falsa delibera pubblicata sul CU nonostante la mia denuncia alla procura della Repubblica per frode sportiva. Chi ha commesso i reati è ancora lì, chi ha chiesto la mia incolpazione ora è ancora commissario del Comitato regionale Campania nonché vice presidente FIGC e presidente LND!”. Come intendono muoversi ora i due avvocati è presto detto: “Ci muoveremo con un azione di risarcimento danni al TAR Lazio e dare maggiore impulso alla azione penale”. Parole durissime scriverebbe qualcuno, ma noi non siamo quel qualcuno e anzi pensiamo che, prima che la Giustizia ordinaria alzi un polverone senza precedenti su questo caso, Sibilia deve dimettersi, le società campane e tutte le società della LND devono chiederne un passo indietro, quello che è stato perpetrato ai danni degli avvocati Pucino e Annella è di una gravità senza precedenti, un po’ come se qualcuno per farsi eleggere alla presidenza di un Comitato, avesse vergato con la stessa mano più di 200 schede.

I commenti sono chiusi